Vai alla piattaforma
Cerca

24 Giu 2020

Turismo e Cultura: i nuovi incentivi del governo

Immagine categoria

Il 17 maggio 2020 è stato pubblicato il nuovo decreto per l’economia, rivolto a imprese, liberi professionisti e famiglie. Il DL Rilancio, questo il nome del decreto legge, include misure relative anche a turismo e cultura, tra agevolazioni per i proprietari alberghieri, per i lavoratori dello spettacolo e formule per rilanciare il turismo nazionale in seguito alla diffusione del nuovo coronavirus.

Tax credit vacanze

Le famiglie aventi un ISEE in corso di validità inferiore ai 40.000 euro e per il periodo d’imposta 2020, hanno diritto a un credito fino a 500 euro per il pagamento di servizi offerti in ambito nazionale dalle imprese turistico ricettive, nonché dagli agriturismi e dai bed & breakfast.

Il credito è spendibile dal 1° luglio 2020 fino al 31 dicembre 2020 e la misura sarà scalata a 300 euro se il nucleo familiare è composto da due persone e a 150 euro se composto da una sola persona.

Per fruire della somma spettante, questa dovrà essere spesa in un’unica soluzione e a favore di un’unica struttura ricettiva, agriturismo o bed & breakfast. Una seconda condizione è che il pagamento sia “diretto” e che non vi siano tramiti come agenzie di viaggio o tour operator.

Esenzione IMU per il settore turistico

Sono esentati dal pagamento della prima rata dell’IMU (imposta municipale propria) gli immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, così come gli stabilimenti termali. Sono inoltre esenti anche gli immobili a uso ricettivo come agriturismi, villaggi turistici, ostelli, rifugi di montagna, residence e campeggi, a condizione che i proprietari siano anche gestori delle strutture.

Tassa di occupazione di spazi e aree pubbliche

Per la ripresa delle attività e per una maggiore semplicità nel mantenere le norme di distanziamento sociale, dal 1° maggio al 31 ottobre 2020 sono esonerati dal pagamento della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche le attività di ristorazione, bar, birrerie, gelaterie, ecc.

Per richiedere l’ampliamento della superficie del suolo pubblico già concessa basterà inviare la planimetria all’Ente Locale in via telematica, in esenzione da bollo.

Sarà quindi possibile posare strutture temporanee sugli spazi concessi come dehors, elementi di arredo urbano e attrezzature di vario genere, purché funzionali all’attività.

Sostegno alla cultura

Oltre al Fondo emergenze imprese e istituzioni culturali di 210 milioni di euro, è stato istituito un ulteriore Fondo cultura dal Ministero dei beni e le attività culturali e per il turismo (MiBACT) di 50 milioni di euro per l’anno 2020. Lo scopo del fondo è la promozione e la digitalizzazione del patrimonio culturale materiale e immateriale.

L’IMAIE (Istituto Mutualistico Artisti Interpreti Esecutori) si occuperà inoltre del sostegno ad artisti, interpreti ed esecutori, ed ha istituito il Fondo di Sostegno per gli artisti di musica e audiovisivo di 7,5 milioni di euro, pensato per i lavoratori soci dell’IMAIE che si trovano in difficoltà a causa dell’emergenza epidemiologica.

Fonti: