Vai alla piattaforma
Cerca

26 Set 2020

Report settimanale emergenza coronavirus in Italia, aggiornamento al 25 settembre

Immagine categoria

Nuovo report dell’andamento epidemiologico per la settimana 19 – 25 settembre.

Come ogni sabato, su COVIDRISK è disponibile il resoconto aggiornato sui dati dell’andamento epidemiologico per la settimana 19 – 25 settembre, a cura del team della pagina Facebook Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche.

Anche questa settimana si registra un incremento della media settimanale dei nuovi casi positivi giornalieri: 1.615 rispetto ai 1.445 di sette giorni fa. Il dato più elevato nel numero di nuovi contagi nell’arco di 24 ore è quello del 25 settembre, con 1.912 nuovi positivi, il valore più alto dall’allentamento delle misure restrittive con la fine del lockdown nazionale a maggio. L’incremento giornaliero totale dei nuovi casi positivi è mostrato in figura 1.

Figura 1. Nuovi casi positivi, dati giornalieri. Fonte: Protezione Civile.

La Lombardia, la Campania e il Lazio sono le Regioni che segnano un numero maggiore di contagi, oltre la soglia di 200 nuovi infetti al giorno, con rispettivamente +277 (il 14,5% del totale italiano), +253 (il 13,2%) e +230 (il 12%), in riferimento alla giornata di ieri. Nessuna Regione registra un dato pari a zero, a testimonianza del fatto che il virus circola sull’intero territorio nazionale. Cinque le Regioni con un numero di nuovi contagi superiori a 100: l’Emilia-Romagna, il Piemonte, il Veneto, la Toscana e la Puglia.

Gli attualmente positivi al SARS-CoV-2 sono 47.718 e dall’inizio della pandemia si è raggiunto un totale di casi pari a 306.235, 11.303 in più rispetto allo scorso report.

Rimane stabile all’1,8% la percentuale media dei tamponi positivi sul totale dei test effettuati rispetto alla scorsa settimana. Anche la percentuale media tra tamponi positivi e totale dei nuovi casi testati (soggetti a cui non era mai stato effettuato prima un tampone) è in linea con il valore della scorsa settimana, 2,8%.

Continua a crescere la capacità diagnostica a livello nazionale: nelle ultime due giornate si è effettuato un numero record di tamponi per il nostro Paese, 108.019 il 24 settembre e 107.269 il 25 settembre.

In figura 2 la tabella aggiornata al 25 settembre dei dati forniti dal Ministero della Salute e dalla Protezione Civile.

Figura 2. Scheda riepilogativa dei dati epidemiologici aggiornata al 25 settembre 2020. Dati aggregati quotidiani Regioni/PPAA – Ministero della Salute – Istituto Superiore di Sanità.
Fonte: Protezione Civile

I pazienti ospedalizzati per COVID sono complessivamente 2.981, di cui 2.737 i ricoverati con sintomi, 350 in più rispetto alla scorsa settimana.

I ricoverati in terapia intensiva sono 244, in aumento di 36 unità rispetto a sette giorni fa; nelle ultime 24 ore si sono liberati 2 posti in TI.

Il numero totale dei decessi è di 35.801, 133 i deceduti questa settimana. In quattro giornate le vittime nell’arco di 24 ore hanno superato quota 20; il dato più alto quello dei 24 decessi del 19 settembre.

I dimessi/guariti dall’inizio dell’epidemia sono 222.716, più di 5.900 nell’ultima settimana.

Il report di monitoraggio del Ministero della Salute (MinSal) per la settimana 14-20 settembre conferma per l’ottava settimana consecutiva il trend di crescita dei nuovi contagi, con un’incidenza cumulativa negli ultimi 14 giorni di 31,4 per 100mila abitanti. Sale anche il numero di focolai attivi registrati su tutto il territorio nazionale, 2868 focolai attivi di cui 832 nuovi.

Oltre il 75% dei focolai ha luogo in seguito a trasmissione intra-domiciliare del virus; l’età mediana questa settimana resta stabile a 41 anni e questo dato incide positivamente sul numero delle ospedalizzazioni, che aumenta ma a ritmo più lento.

La situazione epidemiologica in Italia è sicuramente migliore rispetto a quella degli Stati vicini, come Francia e Spagna, dove i nuovi casi giornalieri superano quota 10.000; addirittura i dati francesi dell’ultima giornata sfiorano i 16.000 nuovi contagi nell’arco di 24 ore. In figura 3 è mostrata la mappa dell’andamento epidemiologico in Europa.

Figura 3. Situazione europea dei contagi da COVID-19.
Fonte: World Health Organization-Europe.

Fonti: