Vai alla piattaforma
Cerca

15 Giu 2020

Piemonte e Valle d’Aosta: le misure regionali per PMI e liberi professionisti

Immagine categoria

Il Decreto Liquidità e il Decreto Rilancio hanno introdotto nuove misure nazionali per l’accesso al credito per le piccole e medie imprese (PMI) e per i liberi professionisti.

Sono molte però le misure per facilitare l’accesso al credito anche a livello regionale. Vediamo gli strumenti messi in campo da Piemonte e Valle d’Aosta.

Regione Piemonte

La regione Piemonte ha istituito un fondo di oltre 3 milioni di euro che si pone come garanzia sostitutiva per tutte le micro imprese cosiddette “non bancabili”, che non presentano quindi i requisiti per poter accedere ai finanziamenti. L’accesso a questo fondo permetterà alle aziende non bancabili in difficoltà in seguito all’emergenza coronavirus di ricevere finanziamenti dai 3.000 ai 25.000 euro, i quali saranno garantiti per l’80% a costo zero. I prestiti fino a 10.000 euro dovranno essere rimborsati entro un massimo di 48 mesi, di cui 3 mesi di preammortamento; i prestiti da 10.000 fino a 25.000 euro, dovranno essere rimborsati entro 72 mesi, di cui 6 di preammortamento.

Regione Valle d’Aosta

Nel portale della Valle d’Aosta per le misure regionali straordinarie per COVID-19 si possono trovare incentivi per liberi professionisti, aziende e famiglie.

In particolare, per le PMI e i liberi professionisti è stato istituito un fondo rischi di 5 milioni e mezzo da Confidi (Consorzi di garanzia collettiva dei fidi) e Valfidi (Confidi della regione Valle d’Aosta), per favorire l’accesso al credito.

Con il credito concesso si potranno finanziare:

  • Investimenti produttivi e infrastrutturali.
  • Fabbisogno di liquidità, capitale circolante o scorte.
  • Riequilibrio finanziario per la negoziazione di prestiti esistenti (a esclusione delle imprese in difficoltà alla data 31 dicembre 2019).

La durata dei prestiti varia in base all’entità, così come il periodo di preammortamento. Vi consigliamo di visitare la pagina dedicata del portale per maggiori informazioni.

Fonti: