Vai alla piattaforma
Cerca

27 Apr 2020

Dopo il lockdown, quando e come ripartire? I 6 consigli dell’OMS

Immagine categoria

Circa metà della popolazione mondiale è stata investita dalle misure di contenimento per arginare la pandemia causata dal nuovo coronavirus. Far ripartire l’economia è fondamentale, e sappiamo che bisognerà convivere con il virus fino a quando non avremo un vaccino.

Ma esistono regole internazionali condivise per decidere quando e come ripartire? La risposta è no, ma l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha diffuso un documento con sei criteri da rispettare per uscire dal lockdown in sicurezza.

  • Numero dei nuovi contagi. Secondo l’OMS prima di allentare i contagi dovranno essere molto vicini allo zero, al più qualche decina ogni giorno.
  • Monitoraggio. I nuovi focolai questa volta andranno anticipati e non rincorsi. L’OMS suggerisce tamponi a tutti i casi sospetti e, una volta individuato un caso positivo, la ricostruzione della possibile catena dei contagi.
  • Strutture COVID-19. Gli ospedali non dovranno più essere epicentro di nuovi contagi. L’OMS suggerisce l’implementazione di strutture ad hoc e assistenza domiciliare.
  • Sicurezza sul lavoro. L’OMS suggerisce di ridisegnare gli spazi lavorativi per garantire il distanziamento fisico, la turnazione dei lavoratori nel corso della settimana e ove possibile il proseguimento dello smart working. Infine il rilevamento della temperatura corporea all’ingresso.
  • Viaggi. Per ridurre la possibilità di contagi transnazionali, l’OMS suggerisce di rafforzare la sorveglianza alle frontiere e di limitare al massimo gli spostamenti.
  • Informazione e coinvolgimento. In periodi di emergenza, informare, rendere consapevoli e coinvolgere i cittadini nelle decisioni è di fondamentale importanza. L’OMS suggerisce una comunicazione chiara e trasparente da parte dei governi e delle autorità competenti.

Fonte:

Considerations in adjusting public health and social measures in the context of COVID-19: interim guidance,
16 April 2020
https://apps.who.int/iris/handle/10665/331773