Vai alla piattaforma
Cerca

30 Mag 2020

Coronavirus e dispositivi di protezione: guida rapida al corretto utilizzo dei guanti

Immagine categoria

Nella prevenzione di nuovi contagi da coronavirus i nostri più preziosi alleati, oltre a comportamenti individuali responsabili e rispettosi del distanziamento sociale, sono mascherine e guanti.

Altrettanto indispensabile è, però, saper usare questi dispositivi di protezione in modo corretto, per evitare di incorrere in comportamenti errati, che possono risultare anche controproducenti. Infatti, i guanti stessi possono trasformarsi in un pericoloso mezzo di contagio, se non vengono rispettate le giuste modalità d’uso.

Abbiamo già scritto riguardo alle indicazioni per un utilizzo corretto delle mascherine, mentre vediamo ora alcune informazioni utili per adoperare al meglio i guanti.

Il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità (ISS) delineano le seguenti indicazioni.

  • L’utilizzo dei guanti non sostituisce una corretta igiene delle mani, tramite un lavaggio accurato di durata non inferiore ai 60 secondi. Il Ministero, a tal proposito, mette a disposizione utili infografiche sui movimenti da compiere per lavarsi le mani in modo efficace.
  • I guanti sono dispositivi monouso, da sostituire ogniqualvolta si sporchino e devono essere smaltiti come rifiuti indifferenziati.
  • I guanti non devono venire a contatto diretto con bocca e naso, così come le mani, per evitare la trasmissione del virus.
  • Devono essere gettati al termine dell’uso, ad esempio al supermercato.

Inoltre, prima di poter rimuovere dal volto la mascherina, i guanti devono essere sfilati in modo da minimizzare la probabilità di contaminazione della pelle e si deve procedere al lavaggio accurato delle mani.

Ci sono alcuni contesti in cui è obbligatorio prevedere l’utilizzo di tali dispositivi di protezione, come, ad esempio, assistenza ospedaliera o domiciliare a malati, o per personale addetto alla pulizia, alla ristorazione o al commercio di alimenti.

Fonti: